Il Coro Storia Manifestazioni Discografia Repertorio Immagini Prossime Contattaci  

  

 

 

Cara

Sisilla…

––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

 

Come passa in fretta il tempo! L’esperienza che sta vivendo il Coro “La Sisilla”, arrivato ad un traguardo così significativo, è l’esperienza mia che già da sette anni mi trovo con questo stupendo gruppo di coristi. Sembra ieri quando ho dato loro la mia disponibilità con il timore di non avere né il tempo né le qualità necessarie per l’incarico. 

 Canto e suono nelle chiese da molti anni, quasi per dovere, grazie ad una forte passione e con l’unica base musicale avuta nei banchi della scuola media dal mio professore Bepi De Marzi. Solo più tardi ho fatto dei corsi e sostenuto anche dei significativi esami. Non ho mai detto di no a quanti mi hanno chiesto collaborazione ed ho sempre avuto una risposta riconoscente di partecipazione, in particolare quando più volte i cori parrocchiali del vicariato di Montecchio Maggiore si sono ritrovati a cantare insieme.

Cantare in chiesa per me è un onore e un dovere. Sempre mi sono sentito tra la terra e il cielo anche se con il dubbio che il mio messaggio non fosse abbastanza intenso e coinvolgente nel rendere lode al Signore.

Con ammirazione, affetto e riconoscenza.

 

Ricordo del Maestro Vincenzo Peretto per il 50mo del coro.

 

 

 

  Repertorio Coro "LA SISILLA"
DIRETTORE: Norberto Tronca

 

   

 

  CANTE POPOLARI E LITURGICHE CANTE DI NATALE

 

  1. A mezzanotte in punto
  2. Affresco Italiano
  3. Aggiungi un posto a tavola
  4. Alleluia 
  5. Amici miei
  6. Aurora
  7. Ave Maria
  8. Ave verum corpus
  9. Benia Calastoria
  10. Campane di Monte Nevoso
  11. Cantare
  12. Chacarera Mendocina
  13. Credo in te
  14. Dormono le rose
  15. El cielo xè un fogo rosso
  16. El romantón
  17. Era una notte che pioveva
  18. Fiore di Manuela
  19. Fratello Sole, sorella Luna
  20. Gerusalemme
  21. I castei de Giulieta e Romeo
  22. Il Golico
  23. Improvviso
  24. Joska la rossa
  25. La ballata dei castelli
  26. La ballata del soldato
  27. La contrà de l'acqua ciara
  28. La croce del Carega
  29. La cubia
  30. La leggenda del Piave
  31. La madona de la Sisila
  32. La Montanara
  33. La Sisilla
  34. La Vergine degli angeli
  35. Larici
  36. L'invito dei monti
  37. Lontano andrò
  38. Maria lassù
  39. Medley Italiano
  40. Montagne addio
  41. Nel blu dipinto di blu
  42. Ortigara
  43. Pena sora i balini
  44. Pensa s'el tornasse
  45. Però mi vuole bene
  46. Resta con noi
  47. Restena
  48. Sanmatio
  49. Santo
  50. Signore delle cime
  51. Stelutis alpinis
  52. Sui nostri monti
  53. Tempo d'Aprile
  54. Un bacio a mezzanotte
  55. Va pensiero (dall'opera Nabucco)
  56. Valsugana
  57. Varda che vien matina


Mario Lanaro
L. Pietropoli
Mario Lanaro
Gabrieli
Canto Popolare
Bepi De Marzi

Bepi De Marzi
W.A. Mozzart
Bepi De Marzi
arm. di Norberto Tronca
Bepi de Marzi
Felipe santiago Boero
Marco Frisina
Bepi De Marzi
Dino stella
Francisco Muro arrang. di M. Astor
Arm. L. Pigarelli
Bepi De Marzi
L. Pietropoli
Bepi De Marzi
Adattam. per coro Norberto Tronca
Bepi De Marzi
Bepi De Marzi
Bepi De Marzi
Doriano Fracasso
Federico Donadoni
Bepi De Marzi
Gian Paolo Dal Dosso
Dino Stella
Ermete Giovanni Gaeta
Norberto Tronca
T.Ortelli
Bepi De Marzi
Giuseppe Verdi
Bepi De Marzi
elaboraz. Luciano Casanova Fuga
elaboraz. Luciano Casanova Fuga
Bepi De Marzi
Autori vari, arm. Norberto Tronca
L. Pietropoli
Domenico Modugno, arm. N. Tronca
Andrea Rigoni
Adrian Pablo Suarez
Adrian Pablo Suarez
Giacobetti Savona
Bepi De Marzi
Bepi De Marzi
Bepi De Marzi
Bepi De Marzi
Bepi De Marzi
Terenzio Zardini
Luciano Casanova Fuga
Dino Stella
Gorni Kramer
Giyuseppe verdi
Arr. di Walter Marazzi
Bepi De Marzi



  1. Jesus is my life
  2. Marì Betlemme
  3. Notte di luce
  4. Notte Santa
  5. Oggi è nato il fanciul divin
  6. Pastori
  7. Piccola canta di Natale
  8. tacita notte
  9. Te canto nina nana
  10. Zitti Zitti
  11. Ora è tempo di gioia
  12. Fantasia di Natale















































Marco Frisina
Bepi De Marzi
F. Rainoldi, J.Akepsimas, arm. M.Lanaro
Bepi De Marzi
A. VV.
Bepi De Marzi
Canto Popolare
Gruber
Bepi De Marzi
Arm. N. Giavina
Benedikt Enderle - Valerio Cipri
Autori Vari
















































 

 

ALCUNI TESTI

 

 

LA SISILLA

parole e musica di Bepi De Marzi

 

Sul coston de la Sisilla

canta un merlo inamorà.

Ghe risponde ’na colomba

dal Fumante nuvolà.

Resta lì: per far l’amor

bate l’ale, bate ’l cor;

tiente forte sulla croda

che i te vol copà.

Vien la sera. Campogrosso

con la luna ze incantà.

Sul Fumante ’na colomba

pianze, sola, abandonà.

Dove sito caro amor?

Te si morto per un fior.

Per portarme ’na genziana

tuto sto dolor.

Sul coston de la Sisilla

more un merlo inamorà.

 

 

 

SIGNORE DELLE CIME

parole e musica di Bepi De Marzi

 

Dio del cielo,

Signore delle cime,

un nostro amico

hai chiesto alla montagna.

Ma ti preghiamo:

su nel Paradiso

lascialo andare

per le tue montagne.

Santa Maria,

Signora della neve,

copri col bianco,

soffice mantello,

il nostro amico,

il nostro fratello.

Su nel Paradiso

lascialo andare

per le tue montagne.

 

 

 

FIORE DI MANUELA

parole e musica di Bepi De Marzi

 

Dalla cima del Civetta,

Manuela, slungando un brasso,

la ga tocà ’na stela,

e la se ga scotà,

e la se ga scotà.

Povera Manuela

co’ la man scotà da ’na stela.

Dopo un giorno che Manuela

pianzeva dal gran dolore,

vien zo dal cielo nero

un fiorellino d’or

un fiorellino d’or.

Fiore di Manuela

che l’è stà tocà da ’na stela.

Dalle Torri, come un organo

‘riva‘na melodia:

l’è ‘l vento che la sona.

E la fa indormentar,

e la fa indormentar.

Dorme la Manuela

che l’è stà tocà da ’na stela.

Povera Manuela

che l’è stà scotà da ’na stela.

 

 

 

MONTAGNE ADDIO !

parole e melodia di Giancarlo Bregani

armonizzazione di Lamberto Pietropoli

 

Cade lenta già la sera

sulle cime incantate

ed or lassù

solo il vento può cantare,

sol la luna può arrampicar.

Montagne addio,

addio vallate,

io parto, addio,

non so se tornerò.

Qui lascio il cuor,

qui lascio la mia vita,

montagne addio,

non vi scorderò!

 

 

 

RESTENA

Parole e musica di Bepi De Marzi

 

Cantava la vecia dei Pieri in contrà

che la casa del principe d’oro,

la casa dei fiori,

de là de l’acqua ciara,

de là del bosco nero,

i ghe la ga portà via,

i ghe la ga portà via.

Gera la casa dei fiori

dove le fate cantava,

ma la più bella, la fata Restena,

pianze sul monte de pena.

Pianze nel cielo la luna,

pianze la fata Restena,

gera la casa del principe d’oro,

desso la pianze: mi moro.

Pianze nel cielo la luna.

 

 

SANMATIO

parole e musica di Bepi De Marzi

 

Co la regina de Sanmatìo

la vole l’acqua rento ’l so castelo,

ma che la porta el capitano,

quel che comanda la cità de Giano

Ma ’l capitano ga za l’amore,

la ze la fiola de Lilano Belo;

el se la porta nel so castelo

e l’indormenza co’ le serenate.

Le serenate del capitano

le sveja tuta la cità de Giano.

Ma la regina no’ ze contenta:

la vole l’acqua de la Valle Scura.

El capitano el ga paura,

el ga paura de la Busa Fonda.

La Busa Fonda, la Busa Nera,

el capitano belo el se dispera.

El se dispera el capitano,

quel che comanda la cità de Giano.

Ma la regina no’ ze contenta:

la vole l’acqua rente l’erba menta.

Co’ l’erba menta, co’ l’erba amara,

la Busa Fonda la diventa ciara,

col primo sole de la matina

el capitano trova l’acqua fina.

Col primo sole, la prima onda,

co l’erba menta la diventa bionda,

col primo ciaro de la matina

el capitano beve l’acqua fina.

Ma la regina no’ ze contenta:

la vole l’acqua rento ’l so castelo;

che ghe la porta, col capitano,

la vol la fiola de Lilano Belo.

Lilano Belo dal campo tondo

ga tanti fiori che profuma ’l mondo,

ma ’l capitano li porta via

così la storia ’desso ze finìa.

La ze la storia del capitano,

quel che comanda la cità de Giano.

La ze la storia de la regina

che la voleva tutta l’acqua fina.

Ma ’l capitano la porta via,

così la storia ’desso ze finìa.

 

 

 

BÉNIA CALASTÒRIA

parole e musica di Bepi De Marzi

 

Tornà, son tornà, son tornà par sempre

tornà, son tornà, son tornà par sempre

tornà nella valle dove gera me popà.

Vardè, ma vardè, ma vardè la valle

vardè, ma vardè, ma vardè la valle

vardè le montagne dove gera le contrà.

  

 

 

PENA SORA I BALINI

parole e musica di A. Pablo Suarez,

armonizzazione di Norberto Tronca

 

Le ultime foje fa gara a chi

resiste de più al vento.

Xè qua inverno e

tutto xè inbiancà.

El manto querze i colori

El manto sorda i rumori

El fredo strenze il fià

A chi mora dentro al bosco.

I osei xè imbalonà

Chi gà podesto xè migrà

E tutte le altre creature

Xè gà intanà.

Rompe il silenzio forte fragore

Crepa nel cuore una sciopetà

Ma! Pena sora i balini

ghe xè un mondo de vita e d’amore.

Pena pena sora i balini se xè

tuti più vicini al Signore

vola vola oseleto

più alto che qua i tira

par copar.

Ma lassù pena sora i balini

Dio te speta par sentirte cantar

Dio te speta par sentirte cantar.

 

 

 

LA BALLATA DEL SOLDATO

Musica di B. Sadler, parole di T. Giacobetti,

trascritto, adattato ed armonizzato da P. Castamagna

 

Tu lo sai che partirò

sai perché e dove andrò

ma non sai, ed io non so

quando ancor t’abbraccerò.

Non temere amore mio

non temer non è un addio

tutti parton come me

tutte piangono come te.

Come gli altri vestirò

come gli altri marcerò

sul berretto un fregio avrò

nel mio cuor tuo volto avrò.

Non temer ti penserò

non temer ti scriverò

ogni giorno che passerà

sempre più ci avvicinerà.

E quando poi ritornerò

sul mio cuor ti stringerò

ti dirò, e tu lo sai

ti dirò: non lasciarmi mai.


PERO’ MI VUOLE BENE

Quartetto Cetra - elaborazione di L. Fattambrini

 

Lui mi vuole bene, tanto, tanto bene,

mi porta a spasso tutti i venerdì.

Giunti nel parco, dove c’è il laghetto,

lui comincia a stringermi e a baciarmi con passione.

Ma quando siete sopra il ponticello,

il tuo tesoro fior di ogni virtù.

Con il pretesto di guardar sotto spera

sempre che tu cada giù!

Rit.: Però mi vuole bene…..

Nel nostro nido noi viviam felici,

lui mi corteggia come il primo dì,

sempre gentile, sempre innamorato

lui continua a stringermi e baciarmi con passione…

ma se ti lascia sola sola in casa

il tuo tesoro vuoi sapere che fa?

Dopo aver chiuso tutte le finestre in cucina

lascia aperto il gassss!

Rit.: Però mi vuole bene….

Per festeggiare il mio compleanno

siamo a Parigi: che felicità!

E a Place Pigalle, sotto i cieli bigi,

lui vuol sempre stringermi e baciarmi con passione…

Ma stai attenta,

or ti vuol portare sulla terrazza della Tour Eiffel.

Beh! Che vuol dire, cosa c’è di male

se mi porta sulla Tour Eiffel…..Ahhh!

Rit.: Ma mi vuole bene….

 

 

 

LA CONTRA’ DELL’ACQUA CIARA

parole e musica di Bepi De Marzi

 

La contrà dell’acqua ciara non xè più de l’alegria

quasi tutti xè andà via, solo i veci xè restà.

Le finestre senza fiori, poco fumo dai camini

senza zughi de bambini, la montagna xè malà.

Rit.: Su in contrà de l’acqua ciara solo i veci xè restà.

’Torno ’torno la fontana dove i sassi sa le storie

Se gà perso le memorie che raconta la contrà

Non se ride, no’ se canta, no’ se fa filò la sera,

no’ vien più la primavera, la se gà desmentegà.

Rit.: Su in contrà de l’acqua ciara solo i veci xè restà…

 

 

 

VARDA CHE VIEN MATINA

parole e musica di Bepi De Marzi

armonizzazione di Lamberto Pietropoli

 

Varda che vien matina:

zé terminà la note con ti,

dame ’l capèlo rosso

che te me vardi andare sul prà.

Prima che spunta ’l sole,

prima che ’l ciaro riva fin qua,

te lassarò ’na strada

come ’na volta ’pena segnà.

Varda che vien matina:

l’erba se piega co’ mi

da la bruma.

Prima che spunta ’l sole…

 

 

 

 

NOTTE SANTA

Parole e musica di Bepi De Marzi

 

Notte santa, notte d’amore,

notte di stelle, notte di pace.

Solo il vento preme di là dai monti:

cerca un varco nella valle,

cerca strada tra le colline.

Trema, trema come un fiore,

trema dentro il cuore,

trema la Madonna:

ora è soltanto mamma.

Vento, non soffiare,

corri verso il mare.

Notte santa, notte d’amore,

notte di pace: il vento tace.

 

 

 

AGGIUNGI UN POSTO A TAVOLA

Garinei e Giovannini - Fiastri

C’era una volta, anzi c’è o meglio, potrebbe esserci

un piccolo paese di montagna che sta qui, lì,

dovunque piaccia a chi sta ascoltando.

Il paese che “io” da quassù, ho scelto per questa favola.

 

Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più

se sposti un po’ la seggiola stai comodo anche tu,

gli amici a questo servono a

stare in compagnia,

sorridi al nuovo ospite non farlo andare via,

dividi il companatico, raddoppia l’allegria.

La porta sempre aperta, la luce sempre accesa,

il fuoco sempre vivo, la mano sempre tesa.

E se qualcuno arriva non chiedergli: chi sei?

E se qualcuno arriva non chiedergli: che vuoi?

E corri verso lui con la mano tesa ma corri verso lui,

spalancagli un sorriso e grida evviva evviva.

Aggiungi un posto a tavola che c’è un amico in più

se sposti un po’ la seggiola

starai più comodo anche tu,

gli amici a questo servono

a stare in compagnia,

sorridi al nuovo ospite non farlo andare via,

dividi il companatico, raddoppia l’allegria,

aggiungi un posto a tavola e così sia.

 

 

 


 

 

torna su